CONSIGLI UTILI COSA FACCIAMO

Quattro cose che un ventenne può fare a Vercelli

Veduta Aerea Del Duomo

Vercelli è una città piena di sorprese, i giovani abitanti di questa cittadina, non si interessano più di tanto a ciò che è presente sul suo territorio. Non sanno, però, che ci sono tantissime attività e attrazioni interessanti da fare e vedere di quelle che possono immaginare. Ecco quattro cose che un ventenne può fare a Vercelli.

Vercelli e il turismo del riso

Vercelli ha come punto fondamentale il riso. Infatti è da sempre un importante centro agricolo e commerciale. Nello specifico per il commercio del riso in tutta Europa, che le è valso l’appellativo di capitale europea del riso, con tanto di Stazione Sperimentale di Risicoltura e la Borsa azionaria del Riso, la più importante d’Italia. L’area più a sud è quasi interamente coltivata a riso ed è nota anche per trasformarsi in tempo primaverile in un immensa scacchiera di specchi d’acqua e da qui il termine mare a quadretti. Allora perchè non immergersi nella natura facendo passeggiate o giri in bicicletta, cercando di riconoscere i vari tipi di riso, in crescita d’estate, il momento migliore con la primavera per ammirare il paesaggio, con i monti, imponenti, in lontananza?

Il Mare A Quadretti Foto Michele D'ottavio

Il Mare A Quadretti – Foto Michele D’ottavio

Vercelli e il turismo storico

Vercelli è una città antichissima. I primi che si instaurarono in questo territorio furono i Celti e probabilmente la costruirono con scopo difensivo. La parola Vercelli infatti significa Difesa dei Celti. Dopo la loro venuta arrivarono a colonizzarla anche i Romani. Infatti si può notare la presenza di questa popolazione dal fatto che, il centro storico sorge sull’area di un luogo fortificato romano, ed è delimitato da viali che corrono sul tracciato delle antiche mura. Vercelli rappresentava anche un importante centro di passaggio sia per i pellegrini che andavano a Roma sia per i mercanti che viaggiavano in tutta l’Europa per i loro affari perché punto di passaggio importante della Via Francigena. Proprio a Vercelli si uniscono i vari percorsi che portano a Roma ed è la 43 esima tappa delle 80 elencate nell’itinerario fatto dall’arcivescovo di Canterbury nel suo viaggio di ritorno da Roma.

Vercelli è ricca di capolavori architettonici medievali come la Basilica di Sant’Andrea, a piazza Cavour, fino alle collezioni d’arte con il Museo Borgogna o l’Arca, uno spazio espositivo dedicato all’arte contemporanea, fino ad arrivare al Museo del Tesoro del Duomo di Vercelli: dove è presente il Vercelli book, manoscritto del X secolo in lingua anglosassone tra i più famosi al mondo. Una curiosità che in pochi sapranno è quella riguardante il vecchio Castello, oggi tribunale dove è stata conservata la sacra sindone prima di essere spostata a Torino. Allora perchè non fare un gita alla scoperta dell’archeologia e della storia vercellese, ripercorrendo la via dei pellegrini?

Sant'Andrea

La Basilica di Sant’Andrea

Vercelli e il turismo gastronomico

L’intera area ha tutte le carte in regola per affascinare ogni tipo di turista. Dal più curioso, al più spericolato, al più pigro, al più ghiottone. Infatti Vercelli è anche nota per la sua cucina a base essenzialmente di riso, è una cucina povera perché si utilizzano prodotti legati alla terra. Povera, però, non significa meno buona. Infatti tra le varie ricette vercellesi si può trovare la panissa: un piatto a base di riso, fagioli e salame sotto grasso, lardo e Barbera del Monferrato. È considerato il piatto vercellese per eccellenza. A Vercelli si possono trovare inoltre molti ristoranti e trattorie tipiche e anche molto rinomate. Alcune continuano a mantenere Stelle Michelin e una di queste ha vinto un famoso cooking show con argomento principale il riso, oltre a tanti altri ristoranti tipici che continuano a mantenere alto il livello gastronomico della città. Altre prelibatezze tipiche vercellesi sono i bicciolani e la tartufata, le specialità dolciarie più famose di Vercelli. Allora perchè non organizzare un bel percorso enogatronomico per conoscere la tradizione vercellese?

La Panissa vercellese

La Panissa vercellese

Vercelli e il turismo musicale

La città ospita anche la manifestazione musicale internazionale Concorso Viotti, prestigioso premio che si tiene ogni due anni al Teatro Civico di Vercelli. È un concorso che alterna dal 2006 un anno la sezione di Canto e l’altro quella di Pianoforte. Nel tempo è cresciuto di prestigio tanto da diventare un trampolino di lancio per giovani artisti che hanno intrapreso poi carriere formidabili. È unico in Italia e vede una presenza internazionale sempre più consistente. Un’altra manifestazione internazionale molto importante è il Festival Viotti, ideato col proposito di voler coniugare la musica locale con quella internazionale. Questo festival viene accompagnato dall’orchestra Camerata Ducale che ogni anno è ospite di numerosi concerti a livello internazionale. Tutto ciò all’interno del Teatro Civico il più noto e antico teatro vercellese. Uno dei perni essenziali della cultura cittadina e che ogni anno ospita stagioni con spettacoli di notorietà nazionale e internazionale. Allora perchè non sbirciare tra le proposte musicali e teatrali, tra una gita nel verde, un piatto di panissa e un museo?

Il Teatro Civico

Il Teatro Civico

Tutto ciò fa pensare. Vercelli non è una piccola e noiosa cittadina in mezzo alle campagne, ma è molto di più. La maggior parte dei giovani vercellesi non conoscono le varie attività e manifestazioni, ma la città, ricca di curiosità, offre molti modi diversi per svagarsi.

Quattro cose che un ventenne può fare a Vercelli ultima modifica: 2018-12-19T16:42:26+01:00 da Silvia Valente

Commenti

To Top