I VERCELLESI RACCONTANO VERCELLI

itVercelli

EVENTI TRADIZIONI

Pasqua, il Coronavirus ferma le celebrazioni vercellesi

Pasqua a Vercelli

Quest’anno dobbiamo rinunciare alle classiche tradizioni di Pasqua che ai vercellesi piacciono tanto. La pandemia da Coronavirus ha messo uno stop alle celebrazioni che prevedono assembramenti di persone. Per rimanere in linea con i vari decreti governativi emessi a salvaguardia della nostra salute, anche Vercelli ha subito fissato le linee guida per celebrare la Pasqua rimanendo a casa. Questo significa che manifestazioni celebri, per cui la nostra città è famosa, non si potranno svolgere.

La Pasqua nel vercellese è molto sentita

La Pasqua vercellese è fatta di tradizioni le cui origini affondano in tempi molto lontani e coinvolgono le persone, creando legami, ricordi ed esperienze. Un periodo che purtroppo quest’anno non si potrà vivere secondo l’antica usanza popolare. L’emergenza sanitaria in corso non permette eventi del genere, ma nulla ci vieta di rispolverarli tramite i ricordi, le foto e i vecchi articoli.

Una delle manifestazioni pasquali cittadine più belle e suggestive è la processione delle macchine. Le statue di legno che vanno in processione per tutto il centro storico cittadino hanno animato il Venerdì Santo di numerosi vercellesi. Ed è solo una delle innumerevoli processioni che si tengono in provincia in questo periodo.

Tutti gli avvenimenti annullati

Per quest’anno va così. Non possiamo fare in altro modo e dobbiamo attenerci alle disposizioni per far sì che questa pandemia si esaurisca presto. Ovviamente i fedeli non potranno seguire le varie celebrazioni nelle chiese: le varie messe verranno trasmesse in diretta web come sta accadendo da inizio emergenza Covid-19.

Benedizione dell'ulivo a pasqua
Foto di Ulrike Leone

Non ci sarà la benedizione e la distribuzione degli ulivi. Così come non si terrà nemmeno la messa la lavanda dei piedi del Giovedì Santo. Invece sarà celebrata la liturgia della Passione, con l’esposizione della Croce davanti all’altare. Niente Via Crucis e processioni varie.

Pasqua al Sant'Andrea
Portali della basilica di Sant’Andrea – Foto Stefania Filice

Anche le celebrazioni del sabato e della domenica hanno subito dei cambiamenti e delle cancellazioni. Sabato non ci sarà l’accensione del fuoco, così come non si terrà la successiva processione. E la domenica di Pasqua non sarà possibile recarsi ad assistere allo scoprimento del Cristo in duomo.

Nulla è perduto, arrivano in soccorso internet e tv

Già dall’inizio dell’emergenza con conseguente chiusura di tutte le attività che prevedevano assembramenti, i parroci si sono attrezzati per celebrare la messa in diretta televisiva o in streaming sul web. Per far sì che i vercellesi non perdano la Pasqua, l’unione di forze tra Amministrazione comunale, Rete 7 e Casa d’Aste Meeting Art permetterà la trasmissione dei riti liturgici della Settimana Santa.

Sant'Eusebio - Duomo Di Vercelli
Duomo di Vercelli – Foto Stefania Filice

L’Arcidiocesi trasmetterà sul canale Video Nord LCN 72 del digitale terrestre e sul canale satellitare People TV LCN Sky 825 e TivùSat LCN 420 gli eventi in programma a Vercelli per la Settimana Santa. La preghiera del Venerdì Santo in diretta dall’Abbazia di Sant’Andrea, alle ore 20.30 di venerdì 10, andrà a sostituire la processione delle macchine. Comodamente da casa si potrà assistere all’antico e sentito rito dello scoprimento del Cristo: appuntamento davanti alla televisione per le ore 6 di domenica 12. Sempre domenica, ma alle ore 10.30, in diretta dal duomo di Vercelli, si potrà assistere in diretta alla santa messa della Pasqua di Resurrezione.

(Immagine in evidenza di Jeff Jacobs)

Pasqua, il Coronavirus ferma le celebrazioni vercellesi ultima modifica: 2020-04-03T07:00:05+02:00 da Stefania Filice
To Top