I VERCELLESI RACCONTANO VERCELLI

itVercelli

CULTURA EVENTI

Isabel Allende ospite a Torino per “Aspettando il Salone”

Isabel Allende ospite a Torino

Isabel Allende, la famosa scrittrice cilena nota ai più per il suo romanzo “La casa degli spiriti”, sarà ospite a Torino il 25 ottobre per “Aspettando il Salone”. Si tratta una serie di appuntamenti che accompagnano gli appassionati di letteratura e lettura verso il Salone del Libro di Torino del 2020. Per poter partecipare è necessario mandare un’e-mail al Circolo dei Lettori, in modo da prenotarsi.

Locandina di Aspettando il salone con Isabel Allende
Locandina dell’evento “Aspettando il salone”. Foto: salonelibro.it

Isabel Allende, l’autrice cilena parente di Salvador Allende

Isabel Allende nasce a Lima, in Perù, nel 1942 da genitori cileni. Il padre era un diplomatico, cugino del futuro presidente del Cile Salvador Allende, morto nel colpo di stato del 1973. All’età di tre anni torna in Cile con la madre, in seguito al divorzio dei suoi genitori e, insieme a mamma e fratelli, va a vivere dal nonno a Santiago. Salvador Allende aiuta economicamente la famiglia del cugino, così Isabel ha la possibilità di frequentare le scuole e non avere problemi di soldi.

Il film "La casa degli spiriti" tratto dall'omonimo romanzo
Dal libro al film: Glenn Close e Meryl Streep ne “La casa degli spiriti”.

Proprio la casa del nonno le fornirà l’ispirazione per il suo romanzo d’esordio, La casa degli spiriti. Il libro rappresenta una lunga lettera che la Allende scrive al nonno, a partire dall’8 gennaio 1981: quando riceve la notizie sul peggioramento delle sue condizioni di salute. Da allora ogni nuovo libro viene iniziato dalla Allende lo stesso giorno dell’anno, l’8 gennaio.

Salvador Allende era parente di Isabel
Salvodor Allende fu fondamentale per l’istruzione di Isabel. Foto: wikipedia

La vita della scrittrice non è stata facile. Il lavoro della madre e del suo nuovo marito l’hanno portata a nuovi trasferimenti: USA, Europa e Libano. Tornata in Cile si sposa e ha due figli: Paula e Nicolás. Qui intraprende la carriera di giornalista. Ben presto perde un altro affetto: Salvador Allende e dopo la sua morte si trasferisce in Venezuela, fino al 1988. Anno in cui divorzia, si risposa e si trasferisce in California, dove risiede tutt’ora.

Isabel Allende e Paula, sua figlia
Paula scompare dopo una lunga malattia. Isabel le dedica un romanzo. Foto: la cooltura

Un’altra disgrazia si abbatte sulla sua vita: dopo un lungo coma, si spegne la figlia Paula. A lei dedica il romanzo “Paula”, nel 1985. La Allende è una donna molto attiva anche nel sociale. E, per quanto concerne il nostro paese: nel 1998 è stata ha ricevuto a Capri il Premio Malaparte e nel 2007 è stata insignita a Trento della laurea honoris causa in lingue e letterature moderne euroamericane.

A Torino presenta “Lungo petalo di mare”, il suo ultimo romanzo

In occasione dell’evento “Aspettando il Salone”, organizzato dal Salone del Libro e dal Circolo dei lettori, la Allende presenta il suo ultimo romanzo: “Lungo petalo di mare”, edito da Feltrinelli, che uscirà il 24 ottobre. Insieme alla scrittrice Rosella Postorino, che ha raggiunto ancora più notorietà grazie al romanzo “Le Assaggiatrici”, l’autrice cilena aspetterà gli ospiti da “Nuvola Lavazza”, in via Bologna 19.

Rosella Postorino, autrice italiana
Rosella Postorino, premio Campiello 2018, condurrà l’incontro. Foto: mangialibri

In questo nuovo romanzo non manca la Allende che tutti noi conosciamo e apprezziamo. Storia e immaginazione, ancora una volta, si fondono per poterci narrare un affresco indimenticabile di solidarietà, di integrazione, di resistenza. A settant’anni dall’approdo a Santiago del Cile del Winnipeg, la nave equipaggiata da Neruda per mettere in salvo più di duemila esuli della Guerra civile spagnola.

La Guerra civile spagnola

Veniamo accompagnati in Spagna, durante l’ultimo periodo del conflitto. Poi in fuga nei Paesi Baschi e in Francia. E da lì in Cile, dove Isabel ci racconta cinquant’anni di storia del suo paese natale. E insieme a quella dei protagonisti, esuli catalani, la pianista Roser e il medico Víctor, ripercorre l’esistenza di personaggi quali Neruda e Allende, che in questo libro sono comparse d’eccezione.

Isabel Allende ospite a Torino per “Aspettando il Salone” ultima modifica: 2019-10-11T09:16:20+02:00 da Stefania Filice
To Top